Bicarbonato di Sodio: le sue proprietà e come usarlo tutti i giorni

Il bicarbonato di sodio è un composto chimico dotato della proprietà di neutralizzare le sostanze acide; si tratta di un sale sodico dell’acido carbonico, che viene impiegato anche come additivo alimentare contrassegnato dalla sigla E500.

Questa sostanza a contatto con l’acqua produce una soluzione leggermente basica, con un pH di 8,6.

Il bicarbonato di sodio di solito viene sintetizzato chimicamente a livello industriale, ma può anche essere estratto da alcuni depositi naturali, tra cui il più grande è il bacino del Green River, negli Stati Uniti d’America.

In Italia i principali punti estrattivi si trovano nelle cave di Rosignano in Toscana.

Le spiaggie bianche di Solvay a Rosignano
Le spiagge bianche di Solvay a Rosignano – il colore è dovuto allo scarico in mare del calcare naturale

Bicarbonato di sodio: i benefici ed i suoi principali usi

Bicarbonato di sodio: i benefici ed i suoi principali usi

1. Intossicazione da farmaci

Il bicarbonato di sodio è in grado di alcalinizzare le urine poiché agisce innalzando il loro pH; questa particolare funzione si verifica anche a livello di tutti i liquidi corporei.

Quando è in corso un’intossicazione da farmaci con composizione lievemente acida, il bicarbonato blocca il loro riassorbimento renale favorendone l’eliminazione con le urine.

Sono molto numerosi i medicinali con caratteristiche acide che quindi possono venire agevolmente escreti mediante l’utilizzo di questa sostanza.

2. Indigestione e sindrome da reflusso

Tutte le volte in cui la digestione procede con difficoltà si instaurano fenomeni di acidificazione del pH a livello dell’apparato gastro-intestinale, che spesso portano al reflusso.

In questi casi il materiale parzialmente digerito ed attaccato dai succhi gastrici (già acidi per loro natura) subisce un’ulteriore acidificazione e tende a risalire attraverso l’esofago verso la gola in seguito a movimenti di peristalsi inversa.

Come conseguenza il soggetto avverte una sgradevole sensazione di bruciore alla bocca dello stomaco che tende a risalire causando di solito anche eruttazioni e dolore epigastrico.

Per attenuare tali sintomi, trova largo impiego il bicarbonato di sodio che, in base alle sue proprietà specifiche, è in grado di neutralizzare l’acidità, provocando un’innalzamento del pH.

Infatti, se messo a contatto con l’acido cloridrico presente nei succhi gastrici, il bicarbonato di sodio reagisce liberando anidride carbonica a livello dello stomaco, dove provoca una dilatazione di volume dell’organo con distensione delle sue pareti.

Un conseguenza di tale distensione è rappresentata dalla produzione di gastrina, un ormone coinvolto nei processi digestivi in quanto stimola la sintesi di enzimi.

La liberazione di anidride carbonica può avere anche conseguenze negative, causando meteorismo e gonfiore addominale; pertanto l’impiego di bicarbonato per facilitare la digestione deve essere calibrato in base al tipo di alimenti che sono stati introdotti.

3. Intensi sforzi muscolari

Bicarbonato integratore per lo sforzo fisico

In seguito ad intensi sforzi muscolari conseguenti ad attività sportiva prolungata è possibile che si formi acido lattico a livello delle fibre muscolari.

L’accumulo di questa sostanza non deve superare una certa soglia per evitare disturbi piuttosto notevoli, come dolorosi crampi muscolari.

Per evitare che si verifichi tale squilibrio metabolico, vengono assunti integratori a base di bicarbonato di sodio che sono in grado di prolungare la resistenza allo sforzo dato che impediscono l’acidificazione del sangue causata da accumuli di acido lattico.

4. Acidosi metabolica

Quando il pH del sangue tende ad abbassarsi, scendendo sotto al valore soglia fisiologico, si instaura un quadro di acidosi metabolica; in questo caso è fondamentale intervenire tempestivamente per alzare il valore del pH.

5. Sbiancamento dentale

Bicarbonato per sbiancare i denti

Il bicarbonato di sodio viene utilizzato per lo sbiancamento dei denti, in quanto agisce rimuovendo le macchie, sia in ambito domestico che professionale.

Il suo meccanismo d’azione agisce anche sulla placca che si deposita sulla superficie dei denti.

6. Impieghi gastronomici

Questo prodotto è utilizzato in ambito gastronomico per favorire la lievitazione degli impasti in quanto, durante la loro cottura, l’innalzamento della temperatura provoca l’emissione di anidride carbonica che, in quanto sostanza gassosa, contribuisce al processo di lievitazione.

7. Impieghi igienici

Il bicarbonato di sodio trova largo impiego per uso personale poiché è in grado di neutralizzare i cattivi odori prodotti dalla sudorazione che solitamente ha una forte componente acida.

Come conseguenza del suo potere regolatore sul pH, viene usato tutte le volte in cui si configura l’esigenza di neutralizzare l’acidità corporea.

Inoltre potenzia l’azione dei detergenti, rendendoli più efficaci.

▷ Per approfondire:
Bicarbonato di Sodio per pulire il materasso e non solo

8. Proprietà dimagranti

Bicarbonato per dimagrire

Secondo le più recenti linee guida il bicarbonato di sodio può agire come sostanza dimagrante in quanto favorisce il drenaggio dei liquidi corporei e la lipolisi (distruzione del tessuto adiposo).

La sua attività detossificante si realizza a differenti livelli; infatti da un lato favorisce l’eliminazione delle tossine che vengono escrete mediante la diuresi, e dall’altro lato incentiva i processi metabolici.

Alcuni suggerimenti per dimagrire che prevedono l’utilizzo di questa sostanza

Abbinando un cucchiaino di bicarbonato di sodio al succo di mezzo limone e miscelando il composto in un bicchiere d’acqua tiepida, si ottiene una bevanda dal gusto lievemente acidulo da consumare al mattino e alla sera per almeno due settimane.

In questo lasso di tempo si possono ottenere evidenti risultati che si potenziano associando un regime dietetico ipocalorico.

Infatti le reazioni cataboliche (di demolizione) dei lipidi consentono una mobilizzazione dei pannicoli adiposi accumulati soprattutto a livello di glutei, fianchi, cosce ed addome.

▷ Per approfondire:
10 errori che non devi commettere se vuoi perdere peso
10 modi per accelerare il metabolismo e raggiungere il peso forma

9. Azione diuretica

Il potere diuretico del bicarbonato di sodio potenzia l’eliminazione dei liquidi in eccesso, impedendo il verificarsi di fenomeni edematosi oppure di ritenzione idrica principalmente nelle parti declivi del corpo, come caviglie e polpacci.

Per aumentare tale attività è consigliabile bere un bicchiere di acqua oligominerale con un cucchiaio di bicarbonato alla mattina appena svegli, prima di incominciare la giornata.

▷ Per approfondire:
20 alimenti diuretici che sgonfiano l’addome

10. Contro la Cellulite

Bicarbonato contro la cellulite

Per eliminare i depositi di cellulite si è confermato estremamente efficace l’impiego del bicarbonato di sodio in acqua tiepida con succo di pompelmo.

Infatti il succo di questo frutto potenzia l’attività diuretica del bicarbonato di sodio aumentandone l’efficacia.

Gli accumuli di cellulite diminuiscono in poche settimane, soprattutto se viene praticata anche una moderata attività sportiva.

▷ Per approfondire:
I rimedi naturali anticellulite che funzionano davvero
5 tipi di esercizi efficaci anticellulite da fare in casa
Le migliori creme anticellulite

11. Azione purificante

Miscelando del bicarbonato con un cucchiaino di aceto di mele e versando il tutto in una tazza di acqua tiepida si realizza un’ottima bevanda detox che contribuisce a bruciare le calorie di troppo.

L’eliminazione delle tossine contribuisce a purificare l’organismo e ad accelerare il metabolismo, con un evidente effetto dimagrante visibile principalmente nelle zone critiche.

▷ Per approfondire:
Le migliori tisane depurative che aiutano a dimagrire

12. Diminuzione dell’appetito

Bicarbonato e dieta

Assumendo una puntina di questo composto prima di mettersi a tavola si può notare una notevole diminuzione dell’appetito prodotta dall’elevato potere saziante del bicarbonato di sodio che, anche in questo caso, si conferma un ottimo alleato per mantenersi in forma.

▷ Per approfondire:
10 alimenti che aiutano a ridurre la fame

Tutti i suggerimenti sopra citati devono comunque venire affiancati da un regime dietetico ipocalorico, da una adeguata attività fisica e da un corretto stile di vita; è infatti necessaria l’interazione di vari fattori per assicurarsi un risultato apprezzabile in breve tempo.

▷ Per approfondire:
Dieta dei 22 giorni: cos’è e come funziona
Dieta in Menopausa: cosa mangiare per non ingrassare troppo

Loading...

2 Comments

  1. M. Clemente Aprile 14, 2019
    • stiledonna Aprile 23, 2019

Commenta