Come rinforzare il cuoio capelluto: l’olio di rosmarino

Il capello, essendo formato da cellule vive, è dotato di un ciclo biologico che consiste in: nascita, accrescimento e caduta.

Seguici su Telegram

Struttura del capello e ciclo vitale

Il capello ha una struttura distinta in tre parti:
– fusto, è la porzione esterna e visibile;
– radice, è quella posta internamente al follicolo pilifero;
– bulbo, è la parte più profonda, contenente tutte le cellule deputate alla sua crescita.

Loading...

Di fianco al bulbo si trova la ghiandola sebacea che produce una sostanza grassa, protettiva nei confronti del cuoio capelluto: si tratta del sebo.
Il ciclo vitale del capello è caratterizzato da una successione di fasi di crescita intensa alternati a fasi di riposo, ed avviene in tre tappe:
– anagen, è il periodo di crescita, che ha una durata variabile tra i 2 ed i 7 anni, durante cui le cellule del follicolo si moltiplicano velocemente; la crescita è fortemente influenzata da fattori ereditari e legati al sesso.
– Catagen, è il periodo involutivo della durata di 2 settimane, durante cui il follicolo è statico ed il capello non si allunga.
– Telogen, è il periodo di riposo, che dura circa 3 mesi, durante il quale il follicolo si è completamente inattivato ed il capello si trova racchiuso al suo interno. Al termine di questa fase, il ciclo inizia nuovamente con anagen.

LEGGI
Secchezza, addio! 10 creme viso per pelle secca da comprare online che vi faranno rinascere

Dallo studio del ciclo vitale potrai ricavare alcune importanti informazioni sullo stato fisiologico del capello che, in conseguenza a differenti sollecitazioni (come squilibri ormonali, anomalie metaboliche e soprattutto agenti stressogeni), potrebbe cadere oppure subire un ritardo nella crescita.

Il problema della caduta dei capelli

Se il cuoio capelluto è in buona salute, anche i follicoli piliferi sono in grado di funzionare al meglio, garantendo ottime prestazioni ai capelli, che tenderanno ad essere folti, robusti e lucenti.

La caduta dei capelli, quando è contenuta entro certi limiti e si verifica nei cambi di stagione, può essere considerata normale: si tratta della “caduta stagionale”.
Può assumere un aspetto più serio e mostrarsi con differenti gradi di intensità: si parte da un semplice diradamento, quando il numero di capelli morti è scarso e le zone interessate non sono visibili con particolare evidenza; per arrivare alla calvizie, un disturbo caratterizzato dalla presenza di aree alopeciche ben visibili. In ogni caso, questo problema causa ingenti ripercussioni psicologiche qualora tu ne sia coinvolto.

LEGGI
Come ringiovanire le mani? Scopri i trattamenti anti-age

In commercio sono disponibili numerosi rimedi sponsorizzati come anticaduta: alcuni si rivelano efficaci, altri decisamente meno.
Si tratta comunque di prodotti piuttosto costosi, che richiedono un utilizzo prolungato nel tempo, in quanto la loro azione non è immediatamente visibile ed i risultati si fanno spesso attendere.
Per questo motivo può essere consigliabile provare dei rimedi naturali, che, da un lato non presentano alcuna controindicazione e sono assai economici e dall’altro lato si sono rivelati molto efficaci.

L’olio di rosmarino per rinforzare il cuoio capelluto

Il rosmarino è un’erba aromatica contenente eucaliptolo (un olio essenziale), vitamina C, antiossidanti e tannini; essendo dotato di mille proprietà benefiche, è ampiamente usato in ambito sia cosmetico che fitoterapico.

Secondo alcune ricerche scientifiche sarebbe il rimedio naturale anticaduta più efficace e profumato attualmente disponibile.
Le sue caratteristiche funzionali sono principalmente quelle di agire come astringente, detossinante e dermopurificante; puoi sfruttare tali proprietà per rinforzare il cuoio capelluto e di conseguenza prevenire la caduta dei capelli.
Generalmente si utilizza sotto forma di acqua aromatica, del tutto priva di alcol, con spiccate proprietà toniche e rivitalizzanti, derivanti dai principi attivi in essa contenuti.
Anche l’olio essenziale trova un grande impiego nella cura del cuoio capelluto: sono sufficienti poche gocce sulle dita per effettuare un massaggio non troppo forte sull’epidermide del cranio.
Per ottenere questo olio essenziale si prendono le sommità fiorite ed i ramoscelli più giovani della pianta e si ricava un prodotto verdastro, intensamente aromatizzato, dalle stimolanti proprietà balsamiche.
Utilizzandolo, ti assicuri una profonda pulizia della cute e consenti al follicolo pilifero di rigenerarsi nel minor tempo possibile, per consentire al capello di ricrescere in condizioni ottimali.

LEGGI
I migliori rimedi per eliminare i baffetti sul viso

Seguici su Telegram

Infatti, qualora il follicolo risultasse ostruito da residui, anche molto piccoli, di sporco, la sua attività subirebbe un arresto funzionale, con dannose conseguenze sul capello.
Inoltre questo prodotto, stimolando la microcircolazione, favorisce l’irrorazione sanguigna del bulbo pilifero, rendendolo maggiormente funzionale.
Puoi applicare tale rimedio alla sera prima di coricarti massaggiandolo delicatamente per circa quattro o cinque minuti; oppure in alternativa potresti aggiungere al tuo shampoo alcune gocce di olio di rosmarino e procedere ad un normale lavaggio.
È possibile anche utilizzarlo sotto forma di lozione, ottenuta dall’infuso delle foglie finemente tritate messe in 250 millilitri di acqua bollente e lasciate in infusione per almeno 15 minuti.
Un’altra soluzione che potresti sperimentare è quella costituita da una preparazione ottenuta da rametti di rosmarino immersi in 200 millilitri di aceto di sidro e lasciati riposare per almeno due settimane in una bottiglietta di vetro ben sigillata; ricorda di diluire in acqua questo composto prima di applicarlo.
Potresti usarlo come spray, nebulizzandolo direttamente sui capelli asciutti, con un’evidente azione purificante se i tuoi capelli sono grassi.
Secondo un recente sondaggio, i soggetti che utilizzano regolarmente l’olio essenziale di rosmarino hanno sviluppato una ricrescita maggiore rispetto a quella di soggetti curati con il più noto farmaco anticaduta presente in commercio.

LEGGI
Truccarsi è sintomo di intelligenza: lo dimostra un esperimento

Un’altra causa che provoca anomalie funzionali a livello del cuoio capelluto è rappresentata dalla presenza di forfora.
Si tratta di un disturbo comunissimo, consistente nella desquamazione degli strati più superficiali dell’epidermide che, con questa modalità, elimina le cellule morte, spinte verso la superficie da quelle più giovani ed attive.
È un problema che, oltre ad essere estremamente antiestetico, potrebbe causarti l’insorgenza di fastidiosi pruriti, arrossamenti anche visibili (soprattutto nelle zone di attaccatura dei capelli) ed una sensazione di sporcizia, anche dopo poche ore dal lavaggio dei capelli.
Anche in questo caso, quando la desquamazione degli strati superficiali cutanei del cranio è contenuta entro certi limiti, deve essere considerata un fatto naturale; ma, se invece diventa corposa, eccessiva e chiaramente visibile, si parla di forfora intensa, che dovrai eliminare tempestivamente.

LEGGI
Bellezza: 10 cosa fare prima di andare a dormire

Le cause di tale disturbo sono numerose, e precisamente:
– una dieta povera di fibre e ricca di grassi saturi;
– la secchezza del cuoio capelluto;
– l’aumento della produzione di sebo;
– squilibri metabolici ed ormonali;
– l’utilizzo di shampoo inadeguato;
– la predisposizione genetica;
– lo stress.

In particolare devi considerare la tua tipologia di pelle:
– se hai una pelle di tipo grasso, probabilmente anche la forfora sarà grassa, costituita da squame giallastre ed oleose. Di solito queste rimangono adese al cuoio capelluto e non cadono, il tutto potrebbe essere causato da una forma di dermatite seborroica.
– Se hai una pelle secca, anche la forfora sarà di questo tipo, e sicuramente ne troverai tracce sui vestiti in quanto tende a staccarsi con grande facilità del cuoio capelluto. Il suo aspetto è di squame grigiastre, fini e molto disidratate.
– Se soffri di psoriasi, potresti riscontrare accumuli di forfora sempre di tipo disidratato.

LEGGI
Come mettere il mascara: 8 trucchi per un effetto wow!

Utilizzando l’olio essenziale di rosmarino potrai ottenere risultati visibili dopo poche applicazioni, in quanto il suo meccanismo d’azione stimola la vascolarizzazione del cuoio capelluto eliminando la forfora.
Un altro rimedio naturale è quello che puoi preparare personalmente unendo ad uno shampoo neutro 20 gocce di olio essenziale di rosmarino, 10 gocce di olio essenziale di salvia e 12 gocce di olio essenziale di timo. Dopo aver miscelato accuratamente questo composto fino a renderlo omogeneo, potrai utilizzarlo ad ogni lavaggio dei capelli.

Concludendo, si può affermare che la salute del cuoio capelluto si mostra un presupposto fondamentale per assicurarti il benessere dei capelli, ma non dimenticare che, accanto all’impiego dei vari prodotti sopra elencati, dovrai condurre uno stile di vita sano, nutrirti in maniera equilibrata, e soprattutto cercare di eliminare dalla tua vita, per quanto possibile, tutti gli stimoli stressogeni; infatti è risaputo che lo stress gioca un ruolo molto importante per la salute dei capelli.

Loading...

Commenta

Seguici su Instagram CLICCA QUI
+