Mani più giovani e curate in cinque mosse

Loading...

Le mani sono sicuramente una delle prime cose che colpiscono l’attenzione e che parlano di noi più di un biglietto da visita: pertanto sarebbe buona norma tenerle sempre nelle migliori condizioni.

Importanza della manicure

È indiscutibile che, non appena incontriamo qualcuno, gli tendiamo la mano per salutarlo, e questa gestualità innata sta a dimostrare come appunto le mani svolgano un ruolo di spicco nei rapporti interpersonali.
Basta veramente poco per prendersene cura: dieci o quindici minuti ogni due settimane possono essere sufficienti.

Le tendenze più attuali relative all’estetica delle unghie suggeriscono diverse modalità di procedura: si tratta di metodi di ricostruzione delle unghie in gel, di nail art o anche di applicazione permanente di smalti, tutte operazioni che vengono effettuate da personale specializzato (l’estetista) che, ovviamente, richiedono una certa spesa.
Ma, se sei veramente intenzionata a mantenere in ordine le tue mani, potrai effettuare alcune semplici operazioni che ti garantiranno una manicure perfetta, che non avrà nulla da invidiare a quella professionale.

Manicure in cinque mosse

Per fare una manicure casalinga sono sufficienti alcuni prodotti di base, facilmente reperibili ovunque:
– solvente, possibilmente privo di acetone;
– ciotola contenente acqua tiepida;
– sapone liquido delicato;
– olio cosmetico ad azione emolliente;
– bastoncini di legno spingi-cuticole;
– limetta;
– buffer livellante;
– crema idratante;
– base specifica per le tue unghie;
– smalto.

Prima di affrontare la manicure, le tue unghie devono essere completamente prive di smalto; quindi l’operazione preventiva che dovrai fare è quella di passarvi sopra un dischetto di cotone imbevuto di solvente (dai la preferenza a quelli senza acetone, consigliabili per il loro inci molto più naturale) che sia in grado di asportare anche le minime tracce di colore.

Primo step

La prima fase che devi affrontare è quella di dare la giusta forma alle unghie, per poi procedere con gli step successivi.
Innanzi tutto utilizza le forbicine per regolare la lunghezza: si tratta unicamente di una scelta personale la preferenza di tenerle lunghe (molto impegnative da mantenere), semilunghe (più agevoli e facili da curare) oppure corte (meno belle esteticamente, ma decisamente più comode).
Di seguito, la modalità più corretta è quella di servirti di una lima che, a seconda delle tue esigenze, potrà essere costituita da differente materiale.
Quelle di cartone sono particolarmente consigliate nel caso le tue unghie abbiano una costituzione piuttosto morbida e si sfaldino facilmente: infatti questo tipo di strumento svolge un’azione non troppo aggressiva.
Quelle in ferro, invece, vanno benissimo qualora tu abbia unghie a consistenza dura; in questo caso il loro utilizzo si dimostrerà ideale per definirle in maniera perfetta.
Esistono poi prodotti in vetro che vengono impiegate quando la consistenza delle unghie sia di tipo misto, nè troppo dura nè troppo morbida.

Dopo aver scelto il tipo di lima più idonea alle tue esigenze puoi procedere all’operazione vera e propria; il metodo più adatto per usarla è un movimento che dovrai incominciare dal lato dell’unghia verso il centro, prima a destra e successivamente a sinistra, fino ad aver raggiunto la forma desiderata. Assolutamente sconsigliata la modalità unica, che partendo dal un lato passa per il centro e continua fino all’altro lato: le due parti laterali dell’unghia devono essere limate separatamente per evitare antiestetiche sfaldature.
Per assicurarti di aver compiuto un’opera perfetta, alla fine di questa operazione puoi passare le unghie su un tessuto a trama larga: se qualche filo viene fuori dal tessuto significa che devi perfezionare il procedimento.

Secondo step

Dopo aver scongiurato il rischio di fastidiose scheggiature, puoi immergere le mani in una ciotola contenente acqua tiepida arricchita con un cucchiaio di sapone liquido delicato, un cucchiaino di succo di limone ed uno di olio d’oliva (oppure olio cosmetico profumato).
Assicurati che il liquido abbia un aspetto omogeneo, che otterrai miscelando vigorosamente i componenti: ricorda che l’olio tende a galleggiare sull’acqua, pertanto devi ridurlo a piccolissime goccioline emulsionate.

Dopo aver lasciato immerse le meni per almeno dieci minuti, e dopo averle asciugate, puoi procedere alla rimozione delle cuticole che circondano le unghie. Mediante gli appositi bastoncini di legno spingi molto delicatamente verso il basso le pellicine. In caso fossero particolarmente evidenti, dovrai ripetere l’operazione più volte, fino al completo appiattimento ed alla loro scomparsa; ricorda di non usare mai le forbicine, in quanto non devi assolutamente tagliarle, dato che esse rappresentano un’utilissima barriera protettiva che impedisce l’eventuale ingresso di microrganismi patogeni all’interno del dito. In genere si procede al taglio di tali cuticole soltanto se la loro lunghezza è davvero eccessiva e se la manovra di abbassamento si rivela inefficace.

Terzo step

Ora è giunto il momento di servirti del nail buffer: si tratta di un accessorio indispensabile consistente in un mattoncino di finissima polvere che svolge il compito di levigare l’unghia, eliminandone ogni imperfezione, come i piccoli solchi e le rigature spesso dovute all’età o anche eventuali piccole particelle residue di smalto. Un’altra sua funzione è quella di opacizzare le unghie in maniera uniforme, per prepararla ai successivi trattamenti.
Devi passarlo delicatamente su tutta la superficie ungueale, senza effettuare alcuna pressione, dato che il suo obiettivo è quello di renderla uniforme. Esistono in commercio dei nail buffer 4 fasi, consistenti in piccoli parallelepipedi che svolgono differenti azioni per ogni faccia; si parte dalla prima fase che serve per la limatura, si procede con la seconda deputata alla forma dell’unghia, con la terza utilizzata per l’eliminazione di solchi ed imperfezioni, con l’ultima finalizzata a conferire la massima lucentezza e brillantezza. Evita quest’ultima fase se desideri applicare lo smalto.

Quarto step

A questo punto puoi servirti della crema idratante, scegliendo la formulazione più adatta alle tue esigenze. La caratteristica principale che devi ricercare in questo prodotto è sicuramente il fattore d’idratazione e la capacità di ammorbidire la pelle il più a lungo possibile. A seconda delle condizioni climatiche, ricorda che l’epidermide reagisce con modalità diverse: ad esempio durante i mesi freddi la tua pelle tenderà a presentarsi molto secca, dato che le basse temperature riducono il contenuto idrolipidico presente a livello dello strato corneo, che funge da barriera protettiva nei confronti degli attacchi esterni. Nel momento in cui tale difesa viene meno, insorge il problema della secchezza. La gamma di tali prodotti è molto ampia: potrai scegliere tra creme idratanti, emollienti, leviganti, lenitive, rigeneranti, protettive e ristrutturanti.

Un ottimo suggerimento è quello di utilizzare un prodotto multifunzione che sia in grado di offrirti la massima efficacia. In linea di massima le creme per mani sono costituite da acqua, olio e glicerina emulsionati tra loro, ottenendo una delle migliori basi idratanti per l’epidermide, per mantenere costantemente il giusto grado di umidità sulla pelle. Questi componenti di base possono essere arricchiti con sostanze più specifiche, come la vaselina, la lanolina o anche vari tipi di oli vegetali (di mandorle, di jojoba, di karité, di argan). Puoi dunque scegliere tra una vastissima gamma di prodotti, ma ricordati che il fattore discriminante dipende soprattutto dalla sensazione di comfort che proverai dopo l’applicazione.

Quinto step

Sei arrivata all’ultima fase della manicure, ovvero l’applicazione prima della base e poi dello smalto. Il compito della prima è quello di rinforzare e proteggere le tue unghie nell’attesa del secondo, che possibilmente non deve venire a diretto contatto con la superficie dell’unghia.
Anche in questo campo potrai scegliere tra una vasta gamma di prodotti, selezionando quello più consono alle tue esigenze.
Se le tue unghie sono fragili, opta per una base rinforzante ed indurente; se le tue unghie si spezzano facilmente utilizzane una contenente sali minerali oppure fibre di nylon; se infine noti una tendenza ad ingiallire, serviti di basi contenenti microparticelle che assorbano il giallo, e le tue unghie saranno perfette.
Se vorrai, dopo l’applicazione della base, potrai usare lo smalto.

Loading...

Commenta