Educazione digitale, perché è importante e a cosa serve

Viviamo in un’epoca dove la tecnologia è qualcosa di quotidiano, sempre a nostra disposizione e completamente accessibile. I nostri figli li chiamiamo nativi digitali proprio perché sono nati con l’idea che la tecnologia è qualcosa che fa parte della loro vita e utilizzano i vari dispositivi
informatici fin da piccoli.

La sicurezza oggi nel mondo digitale

Questo però non basta: per affrontare le sfide del mondo digitale e
prevenire problematiche sempre più diffuse come il cyberbullismo, è necessario imparare a gestire le risorse messe a disposizione della rete. Sempre più associazioni, scuole e anche esperti di cybersecurity stanno infatti promuovendo eventi e percorsi di educazione digitale, per aiutare i
ragazzi – ma anche gli adulti – ad affrontare le sfide di internet.

A scuola, ma anche a casa, i nostri figli sono costantemente a contatto con la tecnologia, e di certo non possiamo avere la pretesa impedire che usino dispositivi come smartphone e computer. Quando vogliamo prendere un
dispositivo a nostro figlio, le scelte possono essere molte e diverse. Ma prima di completare l’acquisto cerchiamo di capire quali sono le necessità dei nostri bambini e dica quali app intendono utilizzare e quali siti Web intendono visitare.

Naturalmente è necessario definire le priorità dell’uso dei dispositivi: compiti, intrattenimento, chat e social. Aiuta tuo figlio a imparare a usare termini di ricerca sicuri e precisi in modo che trovino le informazioni di cui hanno bisogno online e non siano esposti a immagini o siti Web potenzialmente inappropriati.

L’impatto fisico della tecnologia sui bambini

Vale la pena considerare anche il benessere fisico di tuo figlio. Ad esempio, per incoraggiare un corretto sviluppo della postura e dell’occhio, dovrebbero fare una pausa almeno ogni 30 minuti per alzarsi, camminare e usare i loro corpi per rimanere attivi per alcuni minuti prima di tornare al loro dispositivo, se necessario.

Esistono strumenti di parent control che puoi utilizzare per gestire o monitorare il modo in cui tuo figlio utilizza Internet e le app mobili, e naturalmente anche software in grado di proteggere la navigazione, come gli antivirus e le connessioni VPN.

Se usi uno strumento del genere, assicurati di parlarne in anticipo con tuo figlio e di spiegare perché lo stai utilizzando.
Presta attenzione a come usi la tecnologia quando i tuoi figli ti guardano. Sei il loro modello di ruolo più importante, quindi per loro è importante vederti bilanciare la tua casa e la vita lavorativa e il tuo uso della tecnologia.

Il ruolo di della tecnologia nella vita sociale e le nuove sfide del futuro

La tecnologia inoltre può essere incredibilmente utile per studiare e conoscere ma non sempre può essere considerato un sostituto dell’insegnamento tradizionale e dei libri. Per questo è importante
non dimenticare che lo scopo della tecnologia è quello di migliorare – non sostituire – l’interazione tra l’insegnante e gli studenti, nonché tra studenti, genitori e compagni.

Ma proprio come la tecnologia ha trasformato (alcuni direbbero “distrutti”) un vasto numero di settori come i taxi, gli hotel, le banche e l’intrattenimento, sta anche iniziando a trasformare il nostro sistema educativo.

Tutte le parti interessate – amministratori, consigli politici, insegnanti, venditori, genitori e studenti – dovranno ripensare il loro ruolo nell’ecosistema che chiamiamo educazione. Le transizioni possono
essere stressanti, ma possono anche essere esaltanti e portare a nuove opportunità e grandi risultati.

Pensiamo anche al futuro. Un giorno non molto lontano, l’intelligenza artificiale sarà sempre più presente nelle nostre vite. La realtà virtuale sta già iniziando ad essere uno strumento molto utilizzato sia nella attività ludiche sia nel mondo dell’educazione.
E mentre potrebbe non essere possibile tenere il passo con tutti i cambiamenti tecnologici, tutti noi abbiamo la capacità e la responsabilità di guidare i nostri figli su come affrontare qualunque strumento venga loro messo a disposizione in modo sano e positivo.

La tecnologia e persino gli stili di insegnamento cambiano, ma la curiosità, la sete di conoscenza, l’etica e la responsabilità personale sono costanti.

Loading...

Commenta