Come preparare le polpette di lenticchie: 3 ricette facili e gustose

Ecco un piatto che, nato per riciclare le lenticchie avanzate dal giorno prima, è diventato una gustosa e invitante alternativa alla carne ideale per l’aperitivo, per arricchire la tavola di un buffet o da servire come antipasto o secondo piatto accompagnato da una fresca insalata. Stiamo parlando delle polpette di lenticchie, appetitoso cibo del riciclo che rappresenta anche un ottimo escamotage per far mangiare i legumi ai più piccoli.

Apprezzate fin dall’antichità, le lenticchie hanno avuto sempre un posto di rilievo nell’alimentazione povera di tutto il mondo per il basso costo e l’alto valore nutritivo. Consumate insieme ai cereali, forniscono un mix proteico di alto valore biologico e sono quindi una buona alternativa alla carne. Sono ricche di sali minerali e vitamine, hanno un elevato potere calorico e contengono molte fibre, che contribuiscono a placare gli stimoli della fame. Inoltre, per la loro forma tonda e appiattita, ricordano delle monete e per questo motivo sono considerate il cibo portafortuna per eccellenza: mangiate durante il cenone di Capodanno, sono foriere di prosperità e benessere.

Non bisogna pensare alle lenticchie solo come ingrediente per le zuppe o in accoppiata con il cotechino. Con questi legumi si possono realizzare innumerevoli preparazioni, e ce lo dimostrano non solo le ricette della nostra cucina regionale ma anche l’originale ricetta svuota-dispensa che ti proponiamo oggi: le polpette di lenticchie, piacevole risultato di una sapiente rielaborazione di un piatto molto amato (le polpette di carne) in cui si è sostituito un ingrediente “pericoloso” con uno più salutare. Scopri le migliori ricette di polpette di lenticchie che non ti faranno rimpiangere quelle di carne.

Polpette di lenticchie e patate

Ingredienti per 4 persone:

– 250 g di lenticchie secche;
– 1 patata media;
– 60 g di parmigiano grattugiato;
– pangrattato q.b.;
– 2 uova;
– 1 spicchio d’aglio;
– olio per frittura;
– sale e pepe q.b.

Preparazione:

Per preparare le polpette di lenticchie e patate puoi riciclare le lenticchie già cotte che ti sono avanzate dal giorno prima oppure utilizzare le lenticchie secche. Nel secondo caso, poni le lenticchie in una ciotola capiente, coprile con l’acqua e lasciale a bagno per due ore.

Trascorso il tempo d’ammollo, scola i legumi, lavali sotto l’acqua corrente e versali all’interno di una padella di adeguate dimensioni colma d’acqua. Porta ad ebollizione e lascia cuocere per 40 minuti finché le lenticchie diventeranno tenere. Al termine della cottura scolale molto bene e lasciale intiepidire.

Nel frattempo lessa la patata in acqua bollente e, quando sarà cotta, lasciala intiepidire e sbucciala. Frulla le lenticchie con la patata lessa, il parmigiano grattugiato, l’aglio sbucciato e privato della parte centrale, il sale e il pepe. Quando avrai ottenuto un composto compatto e asciutto spegni il mixer.

Poni le uova in una ciotola e sbattile con una forchetta. Dividi l’impasto in tante piccole palline grandi quanto una noce e modellale fra le mani inumidite in modo da ottenere delle polpettine. Passale prima nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato. Man mano che formi le polpette disponile su un ampio vassoio ben distanziate.

Scalda l’olio in una pentola dai bordi alti e, quando raggiunge i 170°, friggi le polpette poche per volta, girandole per farle dorare bene su tutti i lati. Man mano che sono pronte, scolale con la schiumarola o con l’apposito mestolo forato e disponile su un vassoio rivestito con carta assorbente, per eliminare l’unto in eccesso. Per una versione più leggera, cuoci le polpette in forno preriscaldato a 180° per 15-20 minuti o finché non risulteranno dorate e croccanti fuori e morbide dentro. Questa pietanza si accompagna bene con purè di patate o insalata.

Polpette di lenticchie alla siciliana

Ingredienti per 4 persone:

– 250 g di lenticchie;
– 2 uova;
– 75 g di pecorino;
– 1 cipolla rossa grande;
– 1 gambo di sedano;
– 1 patata;
– 2 carote;
– pangrattato q.b.;
– un mazzetto prezzemolo;
– 6 pomodori pelati;
– sale q.b.;
– olio extravergine d’oliva;
– olio di arachidi.

Preparazione:

Metti in ammollo le lenticchie per un 1-2 ore poi lavale bene sotto il getto dell’acqua corrente. In alternativa puoi usare le lenticchie in scatola, più pratiche e veloci. Pela le carote e la patata, sbuccia la cipolla e taglia il sedano a pezzi. Versa le lenticchie in una pentola dai bordi alti e coprile d’acqua fino a due dita sopra il loro livello. Aggiungi le carote, la patata, la cipolla, il sedano e i pomodori pelati.

Porta ad ebollizione e fai andare per circa un’ora, cuocendo a fiamma dolce per preservare le proprietà dei legumi. Quando le lenticchie saranno tenere, spegni il fuoco e regola di sale. Scolale accuratamente (il composto non dovrà essere troppo umido) e lasciale raffreddare.

Poni le lenticchie nel mixer con 1 uovo che serve a legare il composto quindi aggiungi il pecorino grattugiato, mezza patata lessata, il sale necessario, il prezzemolo e 1 cucchiaio di pangrattato. Frulla gli ingredienti con cura. Con le mani inumidite preleva un po’ di composto e forma delle palline grandi come una noce.

Prepara due piatti: uno con l’uovo rimasto sbattuto e l’altro con il pangrattato. Passa le polpettine prima nell’uovo e poi nel pangrattato e disponile su un vassoio man mano che sono pronte. In una padella antiaderente riscalda abbondante olio di arachidi e quando avrà raggiunto la giusta temperatura friggi le polpettine, poche alla volta, finché non saranno belle dorate e croccanti. Se preferisci una versione più leggera, cuoci le polpette di lenticchie alla siciliana in forno statico preriscaldato a 180° per 20 minuti.

A cottura ultimata, toglile dall’olio con la schiumarola e mettile a sgocciolare su un foglio di carta assorbente, quindi disponile su un piatto da portata e servile calde. Completa con le verdure di cottura frullate e condite con un filo di olio extravergine d’oliva e una presa di sale.

Polpette di lenticchie vegane

Ingredienti per 4 persone:

– 100 g di lenticchie;
– 1 cucchiaio di semi di chia;
– 2 cucchiai di fiocchi di avena;
– 150 g di verdure miste;
– 1 spicchio d’aglio;
– curcuma in polvere q.b.;
– zenzero in polvere q.b.;
– olio extra-vergine d’oliva;
– sale q.b.

Preparazione:

Prepara il sostituto dell’uovo: mescola i semi di chia con tre cucchiai di acqua e fai riposare il composto per un po’ di tempo in frigorifero, quindi frulla fino a quando non avrà assunto una consistenza gelatinosa. Lava le verdure sotto l’acqua corrente e tagliale a dadini.

Lascia le lenticchie in ammollo per due ore in acqua fredda poi sciacquale e cuocile in abbondante acqua fino a quando saranno morbide. A cottura ultimata, scolale e mettile da parte. Adesso prendi una padella antiaderente, fai rosolare lo spicchio d’aglio con un po’ d’olio e, quando diventa dorato, aggiungi le verdure, aggiustale di sale e falle cuocere a fuoco basso.

Trasferisci le verdure in una ciotola insieme a metà delle lenticchie, al finto uovo, alla curcuma e allo zenzero. Frulla con il mixer fino ad ottenere un composto non troppo preciso, con qualche pezzo intero. Aggiungi il resto delle lenticchie e i fiocchi d’avena, quindi forma delle palline aiutandoti con un cucchiaino e, se vuoi renderle più croccanti, falle rotolare in un misto di semi.

Disponi le polpettine su una teglia ricoperta con carta da forno e cuocile in forno a 180° per 20 minuti circa, aggiungendo un filo d’olio prima di infornare. Servi le polpette di lenticchie vegane con un’insalata mista accompagnandole con una salsa a piacere. Sono ottime sia calde che fredde.

Loading...

Commenta